Il sito del Comune di Agliana utilizza i cookie per migliorare la fruibilità e la gestione delle informazioni contenute all'interno e nei siti collegati.

Carta di circolazione e utilizzatore del veicolo, le novità

on Lunedì, 03 Novembre 2014. Posted in Polizia Municipale

Carta di circolazione e utilizzatore del veicolo, le novità

Considerato il grande interesse suscitato dall'imminente entrata in vigore delle disposizioni contenute nell'articolo 94, comma 4 bis del Codice della Strada (comma introdotto con la legge numero 120/2010) pare opportuno fornire qualche indicazione utile a chiarire i dubbi che appaiono, almeno sulla base delle domande più frequenti che i cittadini hanno rivolto al Comando, più diffusi.

La novità, a partire dal lunedì 3 novembre, consiste nella previsione dell'obbligo di registrare nella banca dati della Motorizzazione [e in alcuni casi annotare sulla carta di circolazione] il nominativo della persona che ha in uso un veicolo per un periodo superiore a 30 giorni, ma, è bene chiarire subito, l'adempimento riguarda sostanzialmente le aziende e le persone giuridiche e, anche in tal caso, con ulteriori eccezioni. Ad esempio, l'annotazione non è necessaria se il veicolo è attribuito all'utilizzatore come fringe benefit oppure, nel caso di imprenditore individuale, se il veicolo è un bene strumentale della propria impresa. Per le aziende, invece, sussiste l'obbligo di annotazione nel caso il veicolo sia dato in comodato, cioè sia utilizzato in modo esclusivo, personale e a titolo gratuito.

Per la maggior parte dei cittadini la novità non ha gli effetti temuti. Infatti l'articolo 247-bis del Regolamento del Codice della Strada precisa che nel caso di comodato sono esentati dall'obbligo di aggiornamento della carta di circolazione i componenti del nucleo familiare, purché conviventi. E dunque l'unica novità è la condizione di convivenza, diversamente, nel caso l'utilizzatore (sempre che l'uso riguardi un periodo superiore a 30 giorni) ancorché legato da parentela risieda ad altro indirizzo, occorrerà procedere all'annotazione sulla carta di circolazione.

Un secondo aspetto di interesse è contenuto nella circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. n. 23743 del 27 ottobre 2014 dove è prevista l'ipotesi dell'uso di veicoli intestati ad una persona deceduta. Qui la questione è apparentemente complicata perché l'eredità [e quindi anche il veicolo che ne può fare parte] può essere accettata entro 1 anno dall'apertura della successione mentre il cambio di intestazione del veicolo deve essere eseguito, ai sensi dell'articolo 94 del CdS, entro 60 giorni. La circolare ha risolto il problema attraverso l'intestazione temporanea del veicolo e ritenendo che tale operazione non possa configurare “accettazione tacita dell'eredità” proprio perché effettuata in attesa della definizione della procedura di successione. Sulla carta di circolazione pertanto, precisa la circolare, dovrà essere apposta la dicitura “Intestatario deceduto – Intestazione temporanea effettuata ai sensi dell'art. 94, comma 4-bis, c.d.s. in attesa di definizione della procedura di successione”.

Ad ogni buon conto ulteriori informazioni sono reperibili nel sito del Ministero dei Trasporti .

Il Comandante

Dott. Andrea Alessandro Nesti

COMUNE DI AGLIANA