Il sito del Comune di Agliana utilizza i cookie per migliorare la fruibilità e la gestione delle informazioni contenute all'interno e nei siti collegati.

  • Home
  • Comune
  • Presentazione di: Marina staffetta partigiana

Presentazione di: Marina staffetta partigiana

on Venerdì, 05 Luglio 2019. Posted in Comune, Cultura, Biblioteca

Presentazione di: Marina staffetta partigiana

Mercoledi 10 luglio alle ore 21 presso il foyer del Teatro Moderno verrà presentato il libro Marina staffetta partigiana, ultimo lavoro della scrittrice Dunia Sardi. Il testo è arricchito da un saggio di Marco Giunti dal titolo Potere e vita quotidiana ad Agliana (1924 -1936). Alla presentazione interverranno, oltre agli autori, il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Luca Iozzelli, il Presidente dell’Istituto Storico della Resistenza Roberto Barontini, il Sindaco del Comune di Agliana, Luca Benesperi e l’assessore alla cultura Giulia Fondi. Condurrà la serata lo storico Giacomo Bini.

Riportiamo qui di seguito il testo proposto in quarta di copertina del libro:

Questa pubblicazione che Dunia Sardi dedica a Marina Biagioni, staffetta partigiana aglianese, è un’opera importante. Non soltanto per la consueta bravura dell’Autrice, per la sua capacità di farci immedesimare in situazioni che fanno parte del nostro non lontano passato e per la delicatezza con cui racconta le vicende, ma anche perché quest’opera rompe finalmente lo schema di una Resistenza fatta quasi esclusivamente da uomini.
Tra i quasi duemila partigiani e patrioti pistoiesi ufficialmente riconosciuti, le donne si contano sulle dita delle mani; tra i quaranta aglianesi, non vi è nessuna donna. Eppure le donne c’erano, sia come partigiane combattenti che come staffette. Ma evidentemente, quando nell’immediato dopoguerra si trattò di compilare
gli elenchi da proporre alle Commissioni ministeriali per il riconoscimento, si ritenne opportuno, da parte dei comandanti, omettere il nome delle tante donne che avevano fatto parte a pieno titolo delle loro formazioni partigiane.
In generale, le staffette partigiane non sono molto presenti nella storiografia della Resistenza. Come testimonia anche questa pubblicazione, il rischio che queste ragazze correvano non era molto minore di quello dei partigiani combattenti. Essere trovate in possesso di pistole, munizioni, bombe a mano, bottiglie molotov, a prescindere se per usarle o per consegnarle a chi le avrebbe usate, significava quasi sempre essere passati per le armi.
(Dall’introduzione di Marco Giunti)

COMUNE DI AGLIANA