Il sito del Comune di Agliana utilizza i cookie per migliorare la fruibilità e la gestione delle informazioni contenute all'interno e nei siti collegati.

Tifariti - Repubblica Saharawi

saharawi

Il gemellaggio con Tifariti risale al 20 aprile 1994 e fu firmato dagli allora sindaci Fatimetou Allali e Marco Giunti.

Si legge nell'atto di gemellaggio che lo scopo è “il sostegno alla lotta del popolo Saharawi per l'indipendenza nazionale e la propria identità nazionale, per la fraterna solidarietà sociale della popolazione aglianese con gli abitanti di Tifariti”

Il popolo sahrawi è il risultato di un lungo processo di fusione. Le vicende in corso, la guerra, l’esilio, l’occupazione straniera, l’emigrazione, non hanno smesso di trasformare questo popolo.

I sahrawi sono un popolo nomade che vive nel Sahara occidentale che fino al 1975 fu colonia spagnola. A seguito dello spirito anticoloniale che animò tutta la zona negli anni '70 nacque il Fronte Polisario. Presto divenne simbolo dei Saharawi e diede vita a una resistenza armata contro gli spagnoli.

Nel 1975 con l’Accordo di Madrid la Spagna franchista cedette il Sahara Occidentale al Marocco e alla Mauritania in amministrazione temporanea. Al momento dell’evacuazione definitiva del territorio da parte della Spagna, il 27 febbraio 1976, il Fronte Polisario proclamò la Repubblica araba sahrawi democratica (Rasd), ma quella data fu l’inizio dell’invasione militare da parte di Marocco e Mauritania.

L'invasione militare costrinse i sahrawi ad un altro compito vitale: la resistenza armata. La Mauritania, sotto la pressione della lotta armata dei sahrawi, si ritirò definitivamente dal Sahara Occidentale nel 1979. Il Marocco invece sin dai primi anni ’80 dopo aver ripreso lo sfruttamento dei giacimenti di fosfati iniziò una colonizzazione di popolamento dell’intero territorio occupato. A tale scopo fu messo sotto controllo gran parte del territorio con muri difensivi, tanto che oggi un unico muro di sabbia fortificato di 2.720 km divide da nord a sud tutto il Sahara Occidentale.

Nell’agosto 1988 il segretario generale dell’Onu ottenne dal Marocco e dal Fronte Polisario un accordo di principio per un piano di pace, sottoscritto nel 1990 con la previsione del cessate il fuoco, del dispiegamento di forze Onu e di un referendum di autodeterminazione (indipendenza o integrazione al Marocco) con liste di elettori compilate a partire dal censimento eseguito dagli spagnoli nel 1974. Nel 1991 fu proclamato il cessate il fuoco e potè cominciare il dispiegamento dei caschi blu (Minurso) in previsione del referendum nel gennaio 1992. Da quella data invece il piano di pace è stato ostacolato dalla pretesa del Marocco di ampliare oltre misura la base elettorale, provocando continui slittamenti del voto. Su invito del Consiglio di sicurezza, dall’estate 2007 sono ripresi i colloqui diretti Polisario-Marocco in vista di una soluzione condivisa che rispetti il diritto all’autodeterminazione. Nel frattempo, la Minurso è stata sistematicamente prorogata.

All'interno di questo quadro nei campi profughi Sahrawi si è sviluppata l’unica esperienza di autorganizzazione dei profughi, altrove affidata a organismi internazionali o ad organizzazioni umanitarie, anche se l’aspetto dei campi è profondamente mutato dal 1976 ad oggi. Ormai le tendopoli sono diventate villaggi in mattoni di sabbia. Strutture pubbliche, scuole, dispensari, centri amministrativi sono stati progressivamente ingranditi e migliorati, con uno sforzo particolare rivolto all’educazione e alla sanità: tutti i giovani hanno accesso alla scuola, l’assistenza sanitaria è garantita a tutta la popolazione.

L'amministrazione comunale aglianese, accoglie ogni anno bambini provenienti da quelle zone. I motivi sono duplici: quello di dare ai piccoli un po' di sollievo da una vita condotta in situazioni di povertà e quello di permettere visite e cure sanitarie negli ospedali toscani.

 

 

Per saperne di più: http://it.wikipedia.org/wiki/Sahraui

Per notizie su Tifariti: http://it.wikipedia.org/wiki/Tifariti

Allegati:
Scarica questo file (Il_Popolo_Saharawi.pdf)Il_Popolo_Saharawi.pdf[Notizie storiche sul popolo saharawi]237 kB
Scarica questo file (Protocollo Saharawi_presentazione.pdf)Protocollo Saharawi_presentazione.pdf[Notizie sul popolo saharawi e sulle attività italiane in suo favore]283 kB

Stampa Email

COMUNE DI AGLIANA